martedì, settembre 30, 2008

Rawai ennesimo attacco, questa volta di giorno.

Non passa giorno che in Rawai non ci siano “suicidi strani”, rapine, furti in appartamento, accoltellamenti, risse, ecc...
Questi sono soltanto alcuni articoli riportati dal Phuket Gazette degli ultimi mesi:

Muggings in Rawai continue

Apirak angry, avers arrest over Aussie attack

Thai-Aussie couple survives fight with knife-wielding intruder

Soldiers of fortune found dead in Rawai

Body found off Koh Bon

Violent muggings return to Rawai

Body washes ashore in Rawai

American man commits suicide in Rawai

Naturalmente su un giornale locale in lingua inglese parlano solo di stranieri, quindi i crimini tra Thai non vengono menzionati e sono di gran lunga superiori ed efferati.
Ma cosa succede nel paese del sorriso?
Niente tutto come sempre.
Le baggianate dei Tour Operator sui sorrisi servono a vendere viaggi, di fatto le violenze ci sono sempre state in Thailandia come nel resto del mondo.
I soliti Forum sui viaggi, e le guide fanno solo demagogia pura, come pure qualche residente sull'isola che per paura di perdere i clienti cerca di nascondere tutto!
No non bisogna, a questi eventi bisogna dare rilevo, informare turisti e residenti stessi, con il tempo e la cooperazione con le forze dell'ordine sicuramente tutto si risolve.
Alcuni semplici suggerimenti:
  1. Mai abbassare la guardia!

  2. Evitare zone non turistiche di notte.

  3. Evitare di girare con il motorino da soli, accodatevi ad altri.

  4. Tenere borse ed oggetti di valore nascosti da sguardi indiscreti.

  5. Portare sempre un telefono con scheda sim Thai e numero della polizia locale

  6. Mai litigare con i Thai specialmente se ubriachi.

  7. Evitare Bar e Troiai simili, specialmente evitare di portarsi in camera chi non si conosce, se avete gli ormoni in ebollizione ci sono massaggi ed altri luoghi adatti per “sfogarsi” senza rischiare. (Riservato ai PlayBoy da strapazzo)

  8. Passaporto, carte di credito, documenti importanti sempre in cassaforte mai con voi

  9. Doppia attenzione a Rawai, Kata, strade per Patong.

  10. Nel caso notiate qualche movimento strano nella vostra zona non abbiate timore a fare un rapporto alla polizia.

Ultimo punto è importante, perchè la polizia Thai ci tiene che questi reati vengano repressi con forza. Ultimamente la polizia è sotto pressione, i media, e l'opinione della gente si fa sentire. Credetemi per i Thai non c'è nulla di peggio che perdere la faccia, quindi sono fiducioso che questi crimini diminuiranno con il tempo.
Phuket è un'isola che vive di turismo, e se la percezione del turista è quella di pericolo ci rimettiamo tutti e non solo chi lavora di turismo!

Segnate sul vostro cellulare questi numeri di telefono:

(se chiamate con la SIM ITA lo zero iniziale diventa 0066)

Muang District Police Station 076 212021 oppure 076 212115

Tourist Police 076 219878 or 1155

Chalong Police Station 076 381247 or 076 381974

Kamala Police Station 076 324310

Kathu Police Station 076 342719/21

Bangkok Phuket Hospital 076 254421/30

Ultimi articoli dal giornale locale:

Monday, September 29, 2008

Chalong cops nab snatch-and-run bandit

Ms Gopkul, who provided key information leading to Nop’s arrest, points to her assailant at Chalong Police Station.

KATA: With the wave of snatch-and-run robberies in Chalong Police District making national television news in recent days, police there have been under intense pressure to put the guilty behind bars.

Their first break came early yesterday morning with the arrest of a construction worker whose crime spree came to an abrupt halt at about 4 am when he crashed his rented motorbike at high speed into a parked pickup truck along a road in Kata.

As Ms Gopkul Se-jorhor was reporting a bag snatching to police at about 2 am yesterday, construction worker Manop “Nop” Tongboon, a native of Phichit province, was stashing the stolen handbag at his current home, a construction site near the Municipality Health Clinic in Kata. He then, according to Chalong police, went out in search of his next victim.

At about 4 am, Nop struck again, snatching the bag of Orchid Resort Hotel employee Oranee Chalermchol in similar fashion.

By that time the roads were being scoured by police who had gathered more clues from the company that had rented the motorbike to Nop.

Because he thought that someone was pursuing him, Nop, who told police that he had been high on alcohol and ya bah, sped up and then smashed into the pickup. Sub Lt Chatchawan Poonaruemit found him conscious but disoriented and took him to hospital before going to Chalong Police Station.

At the station, Ms Gopkul, an employee of the Moonlight Bar, said that “At around 2 am, he followed me past Club Med, then drove alongside and began pushing my bike with his foot. Then he ripped my handbag from my shoulder, breaking the strap before speeding away. There was 1,120 baht and a five-thousand-baht pair of sunglasses from my German boyfriend in my handbag.”

Nop said at the station that after a binge on alcohol and amphetamines, the sight of the key in the motorcycle’s ignition proved too tempting and he decided to drive around Kata and "have some more fun."

"This is the first time I have behaved like this in Phuket,” Nop averred.

When asked if he stole elsewhere, he replied, “In Bangkok I did the same thing. I cannot remember how many times, but by the time the Klong Luang Police caught me I had collected over 800,000 baht worth of stuff. They sent me to Tanyaburi Prison for three years, but I was let out after two years for good behavior.”

“In Bangkok, my arrest made the front pages of national newspapers. I do not wish to be famous again. Can we not make some deal?” he asked the police.

The Gazette asked Nop about the recent snatch-and-run thefts involving foreigners.

“I would never steal a bag from a foreigner as that is not good for the tourist industry and the police and courts would be very hard on me if I was caught stealing from a foreigner, so I only steal from Thai girls.

“My wife is eight months’ pregnant and I would love to see my child born. My last wife left me when I was caught bag snatching in Bangkok. I think my new wife will be more loyal to me though,” said Nop.

Ms Gopkul told Nop, “So you steal from girls do you? Be careful. One day it might not be a real girl, but a ladyboy who would probably beat you to death.”

When asked if there were more bag snatchers working in the Rawai/Kata area, the duty officer at Chalong police station told the Gazette that, “We are still actively trying to track down bag-snatchers. Usually they are hard to catch as most of them are from upcountry and only strike using rented motorbikes. They often leave the island after carrying out a crime.”

Monday, September 29, 2008

Muggings in Rawai continue

RAWAI: A year after the still-unsolved murder of Norwegian Simen Knudsen, violent robberies against foreigners on motorcycles continue in Rawai – with the the perpetrators now carrying out attacks in populated areas during broad daylight.

The latest victim is 38-year-old Sandra Ullrich, who suffered two fractures to the back of her skull when a pair of Thai men on a motorcycle tried to steal her shoulder bag about 1 pm on Thursday.

The attack occurred as Ms Ullrich, a four-year resident of Phuket, was riding her motorbike past the Banana Corner restaurant, at the corner of the three-way intersection of Saiyuan and Wiset Rd, in the heart of the Rawai-Nai Harn area.

The victim’s husband, Dutchman Hans Ullrich, told the Gazette shortly after the accident he was incensed at the response of the Chalong Police and that he was prepared to “take matters into my own hands” if they fail to take action to catch the perpetrators.

“I just went to the police station. If these guys don’t take care of it, I am going to absolutely freak out. I am going to sit in the bush myself with a couple of my friends and take care of it, because this is absolutely insane. They don’t do [anything] about it, ” said Mr Ullrich, a well-known member of the local dive industry.

“I know these types of things happen everywhere, but it just seems to be getting too much lately,” he said.

Mr Ullrich said he knew of three other similar attacks that have happened over the past six weeks.

Police sometimes patrol risk areas, such as the road from Rawai to the Kata Viewpoint, in the high season, but otherwise only after high-profile cases such as the Knudsen killing, he said.

Mrs Ullrich on Friday was still in the intensive care unit of Phuket International Hospital, where she had yet to regain her hearing, though she is expected to make a full recovery, he said.

The skull fractures, which occurred even though she was wearing a helmet, resulted from the awkward way she fell from the motorbike, he said.

When reporting the incident at Chalong Police Station, he was shown entries in the daily log of two similar attacks over the previous two days, he said.

The attack against his wife came little over a month after Mrs Ullrich’s best friend, American Sheila McCormick, was attacked in similar fashion on the viewpoint road from Rawai to Kata, not far from where Mr Knudsen was stabbed to death on September 24 last year.

In that attack, on August 15, Ms McCormick was riding along the viewpoint road at about 9:30 pm. As she reached the bottom of the hill near the elephant camp, she passed two men on a single motorbike who appeared to be drunk, she told the Gazette.

“Then I knew I was being followed, so I put some distance on them,” she said.

Suddenly they sped up and the man on the back of the bike reached out to grab her bag, but the pair lost control and crashed into the guardrail at the bottom of the hill going about 100 kilometers per hour, she said.

“They didn’t get my bag. They just got really hurt,” she said.

But Ms McCormick also crashed, suffering two broken ribs, bad abrasions and a sprained ankle that left her unable to walk for a week, she said.

“The area has a reputation for this kind of thing happening, but the reputation is for attacks that happen at one o’clock in the morning against people who are alone, possibly drunk… When I went to the police station, I found out that they had attacked another foreign woman on the same hill a few hours earlier, at about 7 pm,” said Ms McCormick.

She added that she got a very good look at her attackers and was told by police that her description of the two men matched that of two men who had carried out the attack two hours earlier.

A simple patrol dispatched to the scene of the first attack could have scared off her assailants and prevented the attack against her, she said.

Chalong Police did not record a police report in the case of her attack, even though she talked to them three times, she said.

“That was the whole point. They didn’t do anything for me and they didn’t do anything for [Sandy],” Ms McCormick said.

“I really love this place and I really felt safe, even as a woman. So I am really surprised about all the things going on,” she said.

Phuket, Thailand
11:06 local time (GMT +7)

lunedì, settembre 29, 2008

Il denaro in Italia e Thailandia, libere riflessioni.

Chi almeno una volta ha fatto un viaggio nella terra del Siam si sarà accorto di quale “strano” rapporto hanno i Thai con il denaro.
I soldi vengono continuamente utilizzati per “riti” porta fortuna, quante volte è capitato di vedere un Thai baciare i soldi del primo cliente entrato nel negozio, oppure batterseli sul cuore.
Le banconote ritraggono anche il monarca nella sua giovinezza, e quindi sono rispettate, guai strapparle, calpestarle, stropicciarle.
In tanti anni non ho mai visto una banconota attaccata con lo scotch, qui non sarebbero accettate come invece accade in Italy.
I soldi anche nei Templi dove i monaci in cambio di fortuna chiedono denaro, quindi ricoprono anche un valore sacro.

Io personalmente detesto il denaro, ma sono come tutti costretto ad usarlo.
Tengo sempre il minimo indispensabile in tasca, meglio utilizzare una carta di credito oppure il Bancomat per prelevare all'occorrenza.
Mi lavo le mani sempre dopo aver toccato i soldi, cerco di tenere lontano i figli dal denaro, mentre la madre è l'opposto.
Lei pura Thai abitua i figli fin da piccoli al rapporto con i soldi, a toccarli, ad averne sempre con se, e naturalmente è una delle prime parole pronunciate da entrambe i miei bimbi.

1)Cosa penso io del denaro:
“Il denaro può comperare un libro, ma non la conoscenza e ne la saggezza.”
Cosa pensa mia moglie Thai del denaro:
“Il denaro compra la conoscenza, il rispetto, e ti permette di esercitare professioni importanti. I figli di contadini rimangono li ad accudire le bestie perchè ignoranti, i ricchi sono tutti professori anche senza studiare”

2)Cosa penso io del denaro:
“Il denaro può comperare un letto, ma non il sonno”
Cosa pensa mia moglie Thai del denaro:
“Il denaro ti rende tranquillo, quando hai i soldi puoi fare sogni belli e rilassarti al risveglio. Il povero non dorme perchè ha fame, e deve sempre pensare come sopravvivere”

3)Cosa penso io del denaro:
“Il denaro può comperare un dottore, ma non la salute”
Cosa pensa mia moglie Thai del denaro:
“Il denaro compra la salute, senza soldi non ci si può assicurare, senza soldi non ci si può curare, senza soldi si può solo morire”

4)Cosa penso io del denaro:
“Il denaro può comperare il sesso, ma non l'amore”
Cosa pensa mia moglie Thai del denaro:
“Il denaro serve alla famiglia, una famiglia senza soldi non può essere felice. Un uomo che si definisca tale deve sempre riuscire a trovare i soldi per mantenere in modo dignitoso la moglie ed i figli. Se un uomo non riesce a fare questo non merita stima e nemmeno amore.”

5)Cosa penso io del denaro:
“Il denaro può comperare un orologio, ma non il tempo”
Cosa pensa mia moglie Thai del denaro:
“Il denaro ci aiuta ad occupare al meglio il nostro tempo, senza soldi le giornate sono interminabili e senza senso, con il denaro fai quello che vuoi, ed il tempo a tua disposizione lo gestisci al meglio”

Due modo diversi di ragionare, due opposte visioni del mondo.
Cerco sempre tramite questo Blog cerco d'evidenziare il GAP CULTURALE tra i nostri popoli, voi cosa ne pensate del danaro?
Siete più “pratici” e “materiali” come mia moglie, oppure più “filosofici” come me?
Risposte su Collega-Menti, serve la registrazione.

Martino M. Rawai-Phuket

sabato, settembre 27, 2008

Incidenti stradali Phuket, colpa degli stranieri?

Fonte Visa for Thai
Di seguito andremo a leggere un articolo tratto e da me tradotto del Phuket Gazette che riporta fedelmente un rapporto del TNA (Thai News Agency), dove lo straniero ancora una volta appare come il brutto e cattivo.

Io sono perfettamente daccordo e so che molte volte gli stranieri che affittano motoveicoli possano rappresentare un problema ed a volte un pericolo, ma non sono assolutamente daccordo sull'esposizione dell'articolo.

Gli stranieri la patente nella maggior parte dei casi ce l'hanno, ovvero sono abilitati alla guida di motoveicoli nel loro paese d'origine, semmai non hanno la patente internazionale che è in se una pura trascrizione in svariate lingue della patente originale.

Questa fantomatica patente internazionale non regala capacità extra-terrene, ergo anche chi ne fosse in possesso sarebbe un potenziale pericolo per pura inesperienza.

Australiani ed Inglesi sono avvantaggiati rispetto a noi in quanto condividono con i Thai la guida a sinistra, tuttavia gli incidenti succedono eccome... ma perchè i Thai non sanno guidare!

Ci sono dei casi in cui degli spericolati farang, normalmente magrebini francesi, affittano moto di grossa cilindrata e fanno casini, ma si limita davvero a questi!

Nell'articolo si discutono anche le modalità per il rilascio della Patente Thai a Stranieri, altra cavolata, perchè è la stessa dei Thai, prova scritta e teorica, se superata si torna a casa con la patente!

Tralatro mettere sullo stesso piano Turisti e chi invece vive qui non è giusto, il turista non ha esperienza, chi vive qui si, e guida quasi sempre meglio di un Thai.

Secondo me si intravedono come sempre note di discriminazione e persecuzione, a voi l'ardua sentenza.

Il 60% degli incidenti in motorino a patong sono a carico di stranieri senza patente

Patong (TNA, Gazette): La scarsa regolamentazione del "moto-noleggio" a Patong ha contribuito ad un allarmante numero di incidenti in moto nel distretto di Kathu, dove più della metà dei 500 incidenti segnalati alla polizia vedono coinvolti motociclisti stranieri senza patente, questo quanto riportato da Thai News Agency (TNA).

Grazie ad una moltitudine di negozi di noleggio moto a Patong, turisti e residenti stranieri possono facilmente noleggiarne uno senza disporre di patente, infatti questo non è un requisito controllato dalle autorità.

Per molti turisti noleggiare una moto o motorino a Patong è un'opzione interessante, infatti il costo per affittarne uno per 24 ore è circa l'equivalente di una corsa singola in un tuk-tuk all'interno della medesima località, circa 150 baht, il più caro del paese!

Il sovrintendente di polizia di kathu, Col Grissak Songmoonnark,sembra abbia dichiarato: "Circa il 60% degli incidenti in motorino sono causati da stranieri senza patente, ce ne sono così tanti che è impossibile contarli, possiamo farlo solo quando succedono gli incidenti.''

Alcuni locali hanno espresso la loro preoccupazione per alcuni motociclisti stranieri la cui guida spericolata ha danneggiato l'immagine di una delle principali destinazioni turistiche. Alcuni stranieri semplicemente non conoscono nemmeno le regole del traffico tailandese. Molti con la loro guida veloce, spaventano la popolazione locale e gli altri turisti stranieri che cercano una vacanza tranquilla, si legge nella relazione del TNA.

"Guidano veloci e tagliano la strada ad altri veicoli. Sono così spaventato dal fatto che un giorno potrei schiantarmi!", questo quanto asserito da un residente.

Tuttavia, il Dipartimento Trasporti terrestri di Phuket insiste che i turisti e gli stranieri in genere possono guidare motocicli in Thailandia solo quando siano in possessodi regolare patente.

La patente per la moto è ottenuta semplicemente presentando documenti di identificazione e permesso di lavoro oppure un indirizzo garantito dall'Ufficio Immigrazione, passando una prova scritta e pratica. L'intero procedimento è effettuabile in un giorno.

Non vi è comunque alcuna menzione nella relazione della TNA di un qualsiasi imminente provvedimento nei confronti dei noleggianti a stranieri senza patente.

Nella maggior parte dei casi, gli affittuari devono consegnare il passaporto per questioni di sicurezza.

Il noleggio di motoveicoli è popolare anche tra alcuni criminali thai che li utilizzano per eseguire borseggi e furti.

venerdì, settembre 26, 2008

Appello conferma condanna diffamazione ex premier


BANGKOK - La Corte d'Appello thailandese ha confermato la condanna a due anni di reclusione per diffamazione per l'ex primo ministro Samak Sundaravej, costretto a dimettersi due settimane fa per decisione di un altro tribunale, che gli contestava un conflitto di interessi.

Secondo la Corte d'Appello, "considerando quello che i due imputati hanno fatto", non ci sono motivi per ribaltare la sentenza di primo grado che condannava Samak e il co-imputato Dusit Siriwan per aver diffamato l'ex vice governatore di Bangkok nel 2006. Durante la lettura del verdetto Samak non ha mostrato alcuna emozione ed è stato fatto uscire da una porta secondaria dell'edificio, mentre i giornalisti lo attendevano all'ingresso principale .

L'uomo che ha portato Samak in tribunale, Samart Rachalporasit, oggetto di dichiarazioni diffamatorie da parte dell'ex premier nel corso di due show televisivi, dichiarando che "la ruota del karma ha seguito il suo corso e non mi inchinerò di fronte a nessuna richiesta di accordo", si è detto pronto a chiedere anche 100 milioni di baht (circa 3 milioni di dollari) di risarcimento.

Samak è attualmente in libertà grazie al pagamento di una cauzione di 200.000 baht (circa 6000 dollari) e secondo quanto afferma il suo avvocato Prachum Thongmee attende di potersi appellare alla Corte Suprema entro 30 giorni.

mercoledì, settembre 24, 2008

Alta stagione 2008/2009 prime anticipazioni

Dopo le tormentate settimane di disordini politici, superando la crisi dei prezzi del petrolio e quindi dei voli, ci avviamo verso una nuova alta stagione.
Personalmente sono sommerso dalle richieste, e per la struttura gestita dal nostro gruppo ormai siamo sul tutto esaurito nel periodo novembre-febbraio.
Un ottimo risultato oltre le aspettative, considerando che molti contatti provengono dagli “abituè”, che rinnovano in Phuket e nel nostro lavoro la loro fiducia.
Gli aumenti dei prezzi ci sono anche per questo 2009, ma sono comunque contenuti rispetto alla media mondiale, e poi il Super Euro rende il turista comunque contento.
Gli Amici di Phuket in controtendenza hanno deciso di unificare ed abbassare i prezzi per la struttura Baan SS Kata, ormai il punto di riferimento per gli Italiani in visita a Phuket.


Dal 01/11/2008 Al 15/04/2009 HIGH SEASON
Camera balcone dietro 1400THB (28 Euro)
Camera balcone davanti lato mare 1600THB (32 Euro)
* Cambio 1Euro=50THB le camere si pagano solo in valuta locale.

Phuket è un'isola bellissima, ma turistica, qui ogni anno arrivano ben 5milioni di visitatori! Il mio scopo è quello di mostrare il lato "migliore" di questo luogo, anche lontano dal solito turismo di "massa", certo che non bisogna immaginare un'isola deserta con palmeti e bungalows! Phuket era così 40anni fa...
Per questo non voglio creare "false illusioni", si possono trovare angoli di rara bellezza e senza turisti, ma sicuramente non saranno vicini agli hotel dove si dorme! E specialmente se costano poco...
Nel 2008 non si può certo raccontare "la favola" della capanna di paglia a pochi euro direttamente sul mare, queste cose a Phuket non esistono ormai più da tempo. (su isolette vicine si trovano ancora) Per I Bungalows "economici" tra palme e mare bisogna scegliere qualche isola vicina a Phuket, esempio:

Kata e Karon sono una "buona base di partenza", basta un motorino a noleggio e potrete raggiungere le spiagge del sud praticamente deserte, oppure mangiare nel villaggio dei pescatori a Rawai con pochi euro seduti in riva al mare. Io considero Kata la spiaggia ideale perchè adatta a tutti, per questo abbiamo deciso di investire qui per la nostra attività.
Natale e Capodanno sono sicuramente un periodo ideale per mare, clima, ma tremendamente cari i voli, gli alloggi vanno prenotati non oltre fine settembre altrimenti non si trova più posto.
Per chi non ha il biglietto volo tra le mani, consiglio di spostare la vacanza di qualche mese, oppure di pensare alla prossima stagione.

Nel ringraziare tutti quelli che ci vengono a trovare ogni anno, vi lascio con i racconti di viaggio pubblicati nel mio sito, come augurio di una buona stagione 2009 per Phuket e tutti quelli che godranno delle sue bellezze.

Martino M. Rawai-Phuket

video Clicca: Ettore & Alessandra un viaggio particolare(Data: 08/09/2008) thai

video Clicca: Stefano & Cristina ritornano in Thailandia (Data: 28/07/2008)

video Clicca: Luca & Simone innamorati della Thailandia (Data: 15/07/2008)

video Clicca: Ivano & Maridela Galleria foto viaggio Phuket (Data: 26/06/2008)

video Clicca: Franco & Katia Phuket un'isola dove tornare (Data: 20/05/2008)

video Clicca: Alberto & Monica 13Giorni a Phuket e Dintorni (Data: 20/05/2008)

video Clicca: Viaggio da Nord a Sud di due Amiche Stefy & Juna (Data: 15/05/2008)

video Clicca: Galleria fotografica viaggi Elena & Andrea(Data: 13/05/2008)

video Clicca: Il nostro viaggio di Simona & Giancarlo(Data: 05/05/2008)

video Clicca: Viaggio di Michele & Natalina, Los nel Cuore! (Data: 17/04/2008)

video Clicca: Viaggio di Andrea & Sonia, consigli utili (Data: 24/03/2008)

video Clicca: Phuket con gli occhi di Michela e Paolo (Data: 19/03/2008)

video Clicca: Viaggio di Nicola (Data: 05/03/2008)

video Clicca: Viaggio di Andrea & Sandra (Data: 23/02/2008)

video Clicca: Scatti del Fotografo Gerosa Fabrizio (Data: 18/02/2008)

video Clicca: Confronto Cebù (Filippine)-Phuket (Thailandia) (Data: 10/02/2008)

video Clicca: Foto Vacanze Cristina & Massimo (Data: 26/01/2008)

video Clicca: Beatiful Thailand di Massimo & Sylvie (Data: 08/12/2007)

video Clicca: Ritorno in Thailandia dopo 15anni di Roberto Sciotta (Data: 01/12/2007)

video Clicca: Racconto viaggio Franca & Mauro Sito Io Turista (Data: 23/11/2007)

video Clicca: Amici di Phuket & Vacanze Fai da TE (Data: 14/11/2007)

video Clicca: Video Vacanze 2007 4 Ragazzi di Brindisi (Data: 03/11/2007)

Clicca: The Beach la famosa Maya Bay di Miki A (Data: 06/10/2007)

Clicca: Thailandia & Phuket di Miki A (Data: 07/09/2007)

Clicca: Articolo di Franco apparso su Turisti per caso!

Clicca: Foto luoghi non turistici di Vittorio.

Clicca: Video racconti Thailandia & Phuket di Miki A.

Clicca: Foto degli Amici di Phuket, i vostri ricordi in un'istantanea.

Clicca: Foto report da Phuket a Krabi, con sosta nella foresta.

Clicca: Foto del viaggio in Cambogia di Fabio

Aspetto il vostro materiale, scrivete una mail, allegati non sueriori a 5MB. Anche video su portali come You Tube oppure

lunedì, settembre 22, 2008

Confronto Samui-Phuket le isole più famose della Thailandia.

Samui Vs Phuket , per capire "pregi e difetti" di ognuna.

Dal sito:

Il viaggio comincia presto, partenza alle ore 05.00 da Rawai Phuket ci aspettano 350KM in auto fino al molo Don Sak nella provincia di Surat Thani. La strada fino al confine di Krabi è piacevole alla vista, molte le montagne carsiche, bei panorami. Mentre dopo aver svoltato ad Ao luk sulla statale 44 niente di bello da vedere, solo distese di palme da olio ed una nebbia che mi ricorda la pianura padana dove sono nato. Difficile da credere ma vero, nebbia come nella bassa padana! Sulla statale 44 non ci sono distributori, niente auto, è il deserto totale. 150KM di una tristezza unica, non passa mai, una rottura di balle enorme! Per esigenze famigliari sono stato costretto a prendere auto per questo viaggio, ma sinceramente consiglio a tutti i turisti il volo con Bangkok Air. Per chi decide di viaggiare in economia Bus+Ferry preparatevi a perdere 10ore della vostra vacanza inutilmente! In auto ad andatura sostenuta ho impiegato 4ore esatte per percorrere i 350KM, i Bus da Phuket ne impiegano 7quando tutto va bene.

Arrivato al nella località Don Sak ci imbarchiamo sul ferry della Seatran dopo 2ore d'attesa, e per fortuna abbiamo prenotato. Auto+2Bambini+3adulti in tutto ci costa 860THB. All'arrivo in Samui (90Minuti navigazione) ci aspetta un amico Thai residente. TAA il suo soprannome, è impiegato presso la polizia turistica locale, e questo in Thai aiuta molto! Oltre ad avere "il culo parato", oltre a farci scoprire i posti migliori dell'isola TAA ci ha prenotato una villa privata dotata di ogni confort: piscina, jacuzzi, 3 bagno, cucina, 2camere letto, ADSL (per me che devo lavorare), Tv satellitare schermo piatto, ecc...

Il giorno successivo comincia il giro dell'isola, partiamo dalla rinomata spiaggia di Chaweng. A prima vista Samui non fa certo "innamorare", c'è praticamente una sola strada sempre perennemente incasinata di auto e guidano tutti come pazzi! Phuket a confronto sembrano degli "Svizzeri" il che è tutto dire. Samui non la vedevo da 5anni, e devo dire chè è molto peggiorata per il traffico. A differenza di Phuket noto che gli Hotel e Resort sono tutti 4-5Stelle, e chiedo subito a TAA dove sono gli Economici Bungalows dei saccopelisti. Mi risponde ridendo, e che di Economico in Samui è rimasto poco, come a Phuket ormai ci si orienta verso un turismo medio/elevato.

Chaweng a detta di TAA è la migliore spiaggia, sabbia bianca, bel mare, molte attrazioni, io la paragono a Patong di Phuket, e sinceramente le moto d'acqua rompono le scatole. Sarò fissato ma io preferisco le spiaggette meno "festatiole". Per il resto nulla da dire, acqua è pulita, la spiaggia in perfetto ordine, rispetto a Phuket noto una maggiore pulizia. Anche se il fondale è "melmoso" i colori del mare sono belli, meglio di Patong sicuramente.

Lamai Beach si trova a poca distanza da Chaweng, e rispetto a questa è molto più tranquilla, anche se la sabbia non è bianca io la preferisco. Anche gli hotel in spiaggia hanno "meno stelle", diciamo che la paragono a Karon o Kata di Phuket, anche se le ultime sono nettamente meglio in tutto. Il mare di Phuket è imparagonabile rispetto a questo, molto più bello, anche in questa stagione dove è molto mosso. Di positivo qui non ci sono onde, quindi è adatto alle famiglie con bambini, mentre a Kata e Karon bandiere rosse da Maggio a Novembre!

La "nonna & nonno" grandi formazioni rocciose conosciute in tutto il mondo per la loro forma molto eloquente, io da buon turista non ho potuto esimermi dal fotografarle, anche se la mia attenzione era rivolta più al mare e i suoi colori. Qui acqua è molto trasparente, due bambini giocano nella "piscina" naturale tra le rocce, turisti pochi ma molte famiglie Thai. Trovare la strada per vedere Grandfather & Grandmother Rocks non è proprio semplicissimo :(

Finalmente arriviamo a Hat Bo Phut, e ritrovo quella parte dell'isola non turisticamente sfruttata, qui ci sono KM di spiaggia praticamente deserta, ottimi ristoranti, anche se cari rispetto a Phuket. Per i Bungalows economici c'è rimasto qualcosa vicino Aeroporto Hat Bang Rak, la spiaggia però fa schifo. Ao Bang Po non è affatto male, anche se costellata da hotel e ville Extra lusso.

Che dire Samui è un'isola in EVOLUZIONE molto più rispetto a Phuket, forse perchè più piccola, o forse perchè gli spazi dove costruire si sono ridotti moltissimo. Di positivo a Samui la legge che vieta di tagliare le palme, oppure la cura per le spiagge sempre in perfetto ordine, tutte anche quelle più imboscate. Phuket invece in certe zone si sta trasformando in una pattumiera, nel mio blog descrivo questa situazione da tempo. Di negativo a Samui il Traffico, i prezzi, noleggiare un motorino è veramente molto rischioso. A mio avviso Samui è adatta ai giovani, alle coppie, mentre Phuket è anche predisposta al turismo famigliare un'isola più "versatile". Phuket vince il confronto a livello di mare, mentre Samui vince sul versante "paesaggistico" con migliaia di palme. A livello di hotel Samui batte Phuket sulla quantità di strutture con "tante stelle" e devo riconoscere che questi resort sono costruiti meglio, integrati nella natura! A Phuket (vedi Patong) ci sono i mega palazzi di cemento sul mare stile Rimini.

Alla fine le due isole si "complementano" una con altra, cioè sono due luoghi della Thailandia da visitare oppure da utilizzare come base di partenza per i vedere paradisi circostanti.

Escursione a Koh Tao e Nang Yuan Island.

Inevitabile escursione nel paradiso dello Snorkeling e Diving, ormai ho famiglia e quindi isola di koh phangan & full moon party "la salto", passo subito al paradiso di Koh Tao (isola delle tartarughe) e NangYuan. Queste isole sono parecchio lontane da Samui, quindi optiamo per il servizio Ferry della Seatran con i bimbi piccoli uno speed boat è improponibile.

La nostra prima tappa sarà a Koh Nang Yuan, le tre minuscole isolette che sono collegate da due istmi ricoperti da una sabbia bianca, permettendo così di passare agevolmente dall'una all'altra. Pace estrema unita alla sensazione di trovarsi in un altro mondo, sfortuna vuole che la giornata fosse nuvolosa. L'acqua cristallina permette di osservare perfettamente la vita sottomarina. Si può salire su una delle colline per godere da lassù del panorama circostante. Sull'isola (PRIVATA dove si paga per entrare) c'è il ristorante con cucina Thailandese (parecchio caro). Rispetto alle super sfruttate PhiPhi Islands qui veramente c'è il rispetto dell'ambiente, motoscafi ancorati alle boe, niente pinne per lo Snorkeling, non si toccano rocce e coralli, assolutamente vietato portare a casa coralli o conchiglie! Insomma qui hanno capito come si preserva ambiente, Phuket e dintorni dovrebbero prendere a modello questo piccolo paradiso.

Koh Tao è facilmente raggiungibile grazie ai trasferimenti in barca Long Tail. Una volta approdati al molo, visitiamo il piccolo villaggio, prima di imbarcarci di nuovo per una delle baie dell'isola, dove per tutto il pomeriggio abbiamo fatto il bagno e snorkeling nei pressi della barca.

Koh Tao, poco più di 21 km², è situata a circa 70 km ad est della costa tra Suratthani e Chumphon, nel Golfo di Thailandia.
Koh Tao significa isola della tartaruga, in quanto in passato le acque nella zona erano state ricche di tartarughe di mare, ma che oggi sono in gran parte migrate su altri terreni, anche se è ancora possibile avvistarle in acqua.
Inizialmente l'isola era disabitata e veniva frequentata unicamente da occasionali pescatori di dalle isole vicine, magari quando cercavano rifugio durante una tempesta o semplicemente prendendo una pausa prima di continuare il loro faticoso lavoro.
Il 18 giugno 1899, Sua Maestà il re Chulalongkorn (Rama V 1868-1910) visitò Koh Tao e lasciò come prova il suo monogramma su un enorme masso a Jor Por Ror Bay accanto alla spiaggia di Sairee Beach. Questo luogo venne subito adorato e ancora oggi deve essere trattato con grande rispetto: di fatto ha segnato l'inizio della storia moderna e fortunata del piccolo paradiso di Koh Tao.

Sono stato molto sintetico nella descrizione di questo nostro piccolo viaggio, per maggiori info non esitate a scrivere una Mail.

Affidati alla nostra esperienza per organizzare il tuo soggiorno ed escursioni in Thailandia. Manda un messaggio per ricevere il nostro numero di telefono e le indicazioni per raggiungerci a Phuket.

Per maggiori info compila il Form sottostante:
Tuo Nome

Tua Email


Saluti dagli Amici di Phuket

Condividi questo articolo sui vari Network
Bookmark and Share